don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 3 Novembre 2021

60

Siamo stati chiamati a vivere in eterno e a partecipare alla vita stessa di Dio.
Questo è un dono immenso a cui siamo tenuti a rispondere fino in fondo.
Non è Dio che ha bisogno di ricevere qualcosa da noi, ma siamo noi come creature, nella necessità di aderire totalmente a lui per realizzare noi stessi.

Viene naturale quindi che per noi sia lui l’amore prioritario, il più grande e comprensivo di tutti gli amori, che in lui ricevono luce.
Contro i nostri impulsi immediati e istintivi, contro la nostra propensione di aggrapparci alle persone e alle cose, Gesù ci chiede di amarlo come il tutto, di seguirlo, liberi da ogni cosa e da ogni altro affetto, non per essere insensibili o freddi verso gli altri, ma per spalancarci a lui, per amare tutti e tutto come egli ci ama.

Paolo oggi ci viene ricordata la perfetta legge dell’amore che ogni cristiano deve seguire per poter sperimentare nella propria vita la logica dell’amore onnicomprensivo, che è la dimensione più vera del reale e dello stesso Dio: Dio è amore. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentedon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 3 Novembre 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 3 Novembre 2021