don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 29 Novembre 2021

170

- Pubblicità -

“…..In verità io vi dico, in Israele non ho trovato nessuno con una fede così grande! Ora io vi dico che molti verranno dall’oriente e dall’occidente e siederanno a mensa con Abramo, Isacco e Giacobbe nel regno dei cieli….”

Meraviglia. Alle parole del centurione, Gesù reagisce meravigliato. Di solito è Gesù che fa qualcosa di speciale destando lo stupore dei presenti; qui invece è il centurione. Può un Dio meravigliarsi? Ebbene si, il Dio di Gesù Cristo si. E c’è solo una cosa che suscita la meraviglia di Gesù: la mia fede o la mia mancanza di fede.

Dio rispetta talmente la mia libertà che si meraviglia di ciò che faccio, nel bene come nel male. Perché c’è qualcosa che non è mai esistito al mondo, ed è il mio si a chi è sempre si per me: Gesù. Questo gli dà gioia e meraviglia infinita. Lo fa vivere. Oppure è il mio no a chi è da sempre si per me: Gesù. Questo gli fa meraviglia addolorandolo infinitamente. Una lancia che squarcia il cuore. Porta aperta per i molti che verranno e siederanno alla sua mensa. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentedon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 29 Novembre 2021
Articolo successivoMariarosa Tettamanti – Commento al Vangelo del 29 Novembre 2021