don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 28 Settembre 2021

86

“…Si voltò e li rimproverò. E si misero in cammino verso un altro villaggio….”

Gesù sa che il suo viaggio a Gerusalemme sarebbe stato l’ultimo. Là fuori dalle mura della città, rifiutato dai suoi, straniero in mezzo al suo popolo, avrebbe aperto le braccia fra cielo e terra per accogliere l’umanità nell’abbraccio del Padre. Gesù, sa anche che, attraversando la Samaria, sarebbe stato rifiutato. Come a Betlemme. Come a Gerusalemme.

Eppure non una parola di condanna per i samaritani. Il rimprovero di Gesù è rivolto ai suoi discepoli che vorrebbero giudicare subito il comportamento ostile dei samaritani. Come noi: chi non è dei nostri è contro di noi. No, non affrettiamoci a giudicare: non tocca a noi decidere chi si salverà. Solo Gesù saprà giudicare con misericordia. Non facciamoci rimproverare da Gesù. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentedon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 28 Settembre 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 28 Settembre 2021