don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 28 Novembre 2021

115

“…Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere, e di comparire davanti al Figlio dell’uomo…”

Risollevatevi , alzate il capo! Imperativo per la vita. Parola piena di luce, luminosa per me, piccolo uomo segnato dalla fatica di portare il dolce peso dell’oggi, incapace di abitare la storia cogliendone un senso. Lontano.
Ma tu, Dio, non sei stanco di me, vieni ancora a sollevarmi. Vieni tu prima di ogni mio passo. Mi trovi con il cuore appesantito, ma non mi giudichi.

Ricuci tu i lembi della lontananza, venendo ancor più vicino.
La nostra liberazione è vicina, è in mezzo a noi. Avvento è l’eterno farsi prossimo di Dio.
Non sulle nubi, ma nei piccoli gesti di ogni giorno, nella pazienza di chi mi sopporta, nel dono immeritato di un fratello oggi, per me.
Che mi ricorda la mia vocazione: levare il capo verso l’alto vegliando in basso sui fratelli. Uomo di cielo e di terra. Buon Avvento! […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedenteDon Riccardo Robella – Commento al Vangelo di domenica 28 Novembre 2021
Articolo successivodon Pietro Giassi – Commento al Vangelo del 28 Novembre 2021