don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 27 Settembre 2021

39

 Ho abusato della tua croce e della tua misericordia. Anche il ritorno del figlio prodigo, anche la pecora impigliata nelle spine, la dramma perduta; tutto sprecato e buttato. Si può recitare venti volte questa scena forse cinquanta, ma a un certo punto diventa insipida, non ha più sale. E sento di nuovo la voce del tuo apostolo: se pecchiamo volontariamente dopo aver ricevuto la piena conoscenza della verità, non rimane più alcun sacrificio per i peccati ma soltanto una terribile attesa del giudizio. Quando qualcuno ha violato la legge di Mosè, viene messo a morte senza pietà. Pensate quanto maggiore sarà il castigo di chi avrà calpestato il Figlio di Dio! Conosciamo infatti colui che ha detto: A me la vendetta! Io farò giustizia! E’ terribile cadere nelle mani del Dio vivente! […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentedon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 27 Settembre 2021
Articolo successivoMariarosa Tettamanti – Commento al Vangelo del 27 Settembre 2021