don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 27 Ottobre 2021

53

“…Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché molti, io vi dico, cercheranno di entrare, ma non ci riusciranno…”

Gesù ci chiede una fede attiva, forte. Non bastano le parole o le buone intenzioni, dobbiamo far fruttare i nostri talenti, dobbiamo vivere la sua Parola se vogliamo entrare nella porta stretta. La salvezza è una possibilità offerta a tutti, la questione è la risposta che diamo noi. Non è un fatto scontato, ma sarà una conquista, richiede fatica, attenzione, tensione anche se tutto sarà accompagnato e arricchito dalla sua presenza.

Gesù ci dice anche quale è il criterio per passare attraverso porta stretta, per entrare nel Regno, questo criterio è la giustizia. Infatti non c’è nessun titolo umano che possa salvarci, solo lo sforzo per aderire a Cristo ci permetterà di entrare. Dobbiamo sempre essere in cammino, non dobbiamo rassegnarci, non dobbiamo arrenderci.

Non hanno la precedenza le opere sulle parole, o viceversa, tutto concorre, se vissuto in maniera coerente, a passare per quella porta stretta che ci condurrà alla salvezza eterna […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedenteBeppe Florio – Commento al Vangelo del 27 Ottobre 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 27 Ottobre 2021