don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 26 Dicembre 2021

58

…Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?». Ma essi non compresero ciò…”

Ma essi, Maria e Giuseppe, non compresero. Gesù cresce dentro una famiglia santa e non perfetta. Santi tutti e tre eppure non si capiscono. E noi ci meravigliamo di non capirci nelle nostre case? Che conforto allora per tutte le famiglie: tutte imperfette, ma tutte capaci di crescita! Si può crescere in virtù, sapienza e grazia anche sottomessi ai limiti gli uni degli altri. Si può crescere anche sottomessi al dolore di non capire. Alla fatica di non essere capiti.
Perché mio padre, o mia madre, il mio sposo, mio figlio, il mio confratello, sono molto di più dei loro difetti! In loro abita il mistero. Loro sono il mistero di Dio per me. Il suo sacramento. La casa è il luogo del primo magistero: qui, Dio tocca, parla, tiene per mano, fa crescere, insegnando l’arte di vivere e amare.[…]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentedon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 26 Dicembre 2021
Articolo successivoEnzo Bianchi – Commento al Vangelo del 26 Dicembre 2021