don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 25 Novembre 2021

22

“….Quando vedrete Gerusalemme circondata da eserciti, allora sappiate che la sua devastazione è vicina. Allora coloro che si trovano nella Giudea fuggano verso i monti, coloro che sono dentro la città se ne allontanino…”
Il regno di Dio, Regno di pace e di giustizia, di fedeltà, appartiene al futuro, è di un altro mondo. Questo mondo è destinato a finire; non per le catastrofi planetarie o per i terremoti, non per le guerre o per le vendette. Non come una grande desolazione, che possa zarci pensare che abbiamo sbagliato tutto, che abbiamo percorso la strada sbagliata, una strada in cui la morte è stata sovrana. Piuttosto come una consolazione spirituale che renderà possibile accorgersi di una novità inaspettata che ci viene offerta (il regno di Cristo) in un tempo e in modalità che non tramonteranno più. Su ali d’aquila voleremo nella nuova creazione, nella quale le meraviglie di Dio saranno anche le nostre meraviglie. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentedon Paolino – Commento al Vangelo del 25 Novembre 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 25 Novembre 2021