don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 22 Ottobre 2021

84

“…Sapete valutare l’aspetto della terra e del cielo; come mai questo tempo non sapete valutarlo? E perché non giudicate voi stessi ciò che è giusto?…”

Non è facile per noi capire i segni del tempo presente. Riuscire a cogliere la volontà di Dio come si manifesta nel contesto della nostra vita.
Ancora più difficile è scegliere il bene quando è molto più semplice, meno impegnativo lasciarsi condizionare dalla mentalità comune, dalle comodità, dagli interessi.

Gesù vuole da noi un’attenzione particolare, ci vuole testimoni del tempo presente, attivi. Il cristiano deve essere presente nella realtà quotidiana, nella vita politica e sociale del suo paese, deve essere in prima linea nella lotta per un mondo migliore.
Papa Giovanni durante la Pentecoste del 1963 disse: “Oggi è giunto il momento di riconoscere i segni del tempo, di cogliere le opportunità e di guardare lontano”, purtroppo tutto questo richiede impegno, rinunzia, sacrificio.

La venuta di Gesù è il più grande segno dei tempi e il tempo di Gesù è ogni giorno della nostra vita, è l’oggi. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedenteCommento al Vangelo del 22 Ottobre 2021 – don Carlo Occelli
Articolo successivodon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 22 Ottobre 2021