don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 22 Marzo 2022

72

- Pubblicità -

“…Così anche il Padre mio celeste farà con voi se non perdonerete di cuore, ciascuno al proprio fratello…”
Abbi pazienza con me e ti restituirò ogni cosa….Stolto!
Neppure tu campassi diverse vite basterebbe il tempo per saldare il debito!
Nei confronti di Dio siamo debitori insolvibili: diecimila talenti sono una cifra esorbitante messa lì apposta per convincerci della nostra situazione.
Eppure un modo c’è per ottenere un condono a buon mercato: cancellare il debito che tuo fratello ha nei tuoi confronti.
Ci rimetti cento denari, guadagni diecimila talenti; fatte le proporzioni, dai uno e ottieni seicentomila, un bell’affare!
Ma non fermarti solo al livello utilitaristico, c’è ben di più: c’è chi ha dato la vita per te, che ha pagato il tuo debito sulla croce, prima ancora che tu ti rendessi conto di non poterlo saldare.
E allora sii riconoscente a lui e condiscendente verso tuo fratello! […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentedon Stefano – Commento al Vangelo del 22 Marzo 2022
Articolo successivoEnzo Bianchi – Commento al Vangelo del 22 Marzo 2022