don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 21 Gennaio 2022

184

- Pubblicità -

“…..Gesù salì sul monte, chiamò a sé quelli che voleva ed essi andarono da lui. Ne costituì Dodici….”
Stiamo scendendo dal monte, siamo stati con te ed ora ci mandi per mettere in atto quanto ci hai affidato, perché anche noi facciamo quel che hai fatto e stai facendo tu: proclamare parole di vita, compiere gesti di liberazione.
Ma se guardo a quello che sono, se guardo a mio fratello Giacomo e agli altri, mi convinco che hai un bel coraggio: veramente i tuoi pensieri non sono i nostri pensieri!
Ti fidi di semplici pescatori, di un pubblicano, di altri dal passato turbolento: considerandoci umanamente, non abbiamo le carte in regola per portare avanti il tuo progetto.
Eppure hai scelto proprio noi, per farci capire che al di là delle qualità umane la nostra forza è la tua parola, la tua chiamata, il dono del tuo Spirito: ciò che diremo e faremo porterà frutto soltanto nel tuo nome.[…]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentep. Giovanni Nicoli – Commento al Vangelo del 21 Gennaio 2022
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 21 Gennaio 2022