don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 20 Ottobre 2021

62

«….. Anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo…..».

Nella vita non siamo padroni di nulla. Facciamo fatica a crederlo, ma è proprio così. In ogni caso, alla fine, dovremo lasciare tutto. In realtà tutti i beni ci sono stati semplicemente donati e li dobbiamo amministrare per il bene di tutti. Anche quando sembra il frutto del nostro lavoro e delle nostre fatiche è un frutto possibile grazie a opportunità che non ci siamo dati noi.

Il primo modo per vivere nella vigilanza, in attesa del ritorno del Signore, è dunque quello di amministrare fedelmente ciò che ci è stato affidato. Ma i beni più preziosi affidati a ciascuno di noi sono gli altri con i quali condividiamo i giorni della nostra vita. L’altro è sempre un dono e mai un ostacolo che possa impedire la nostra realizzazione.

Chi pensa di realizzarsi usando arroganza e prepotenza con gli altri, si preclude la salvezza. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 20 Ottobre 2021
Articolo successivodon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 20 Ottobre 2021