don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 2 Ottobre 2021

29

Noi adulti ci siamo costruiti una corazza con le nostre abitudini, le nostre riserve mentali, i calcoli, le paure….Una corazza così ermetica attraverso la quale non passa più niente, forse neanche la Parola di Dio. I bambini sono semplici, si abbandonano totalmente a chi dimostra loro di voler bene, si fidano…ed è così che dobbiamo diventare. Gesù infatti non dice dovete rimanere come bambini, ma usa il termine “diventare” come bambini.

Questo termine fa pensare ad un cammino, un progresso, una conquista. Con l’aiuto di Dio rinasceremo un’altra volta disfandoci dall’ingombro degli anni che ci fossilizza nelle nostre convinzioni, lasciandoci prendere per mano da Dio, lasciandoci guidare fiduciosi, riusciremo a vivere pienamente e gioiosamente perché il nostro Dio è vivo, il Dio della gioia. Solo ritornando alla semplicità dell’infanzia la nostra esperienza non sarà più un limite ma diventerà una ricchezza da condividere e noi potremo vivere ed amare con l’entusiasmo e la totalità di un bambino. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentedon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 2 Ottobre 2021
Articolo successivodon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 2 Ottobre 2021