don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 2 Novembre 2021

65

“…chiunque vede il Figlio e crede in lui abbia la vita eterna; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno…”

L’ultima parola non è della morte ma della vita, quella vita piena e immune di ogni limite di cui ci parla la risurrezione di Gesù.
Ogni pietra sepolcrale è stata definitivamente ribaltata quel giorno.
E’ questo soffio di immortalità che aleggia nei cimiteri cristiani.

Quanti ci hanno preceduto nella vita eterna sono già immessi in questa pienezza: essi sono nelle mani di Dio, essi sono nella pace.
Così commenta sant’Ambrogio: “ Poiché i giusti avranno la somma ricompensa di vedere il volto di Dio, lo splendore che illumina ogni uomo, poniamo anche noi ogni sforzo ad avvicinare la nostra anima a Dio, a porgergli la nostra preghiera, a rivolgere in lui il nostro desiderio di non essere mai da lui separati”.

Finchè siamo pellegrini su questa terra, restiamo uniti a Dio con la lettura, la meditazione e i desideri, e impegnamoci a conoscerlo fin dove è possibile. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedenteCommento al Vangelo del 2 Novembre 2021 – Don Francesco Cristofaro
Articolo successivodon Gabriele Nanni – Commento al Vangelo del 2 Novembre 2021