don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 2 Aprile 2022

102

- Pubblicità -

E ciascuno tornò a casa sua. Peccato!
Questi uomini hanno sfiorato il mistero di Gesù, sono arrivati fin sulla soglia ma di fronte ai farisei restano confusi, non sanno prendere posizione, non si lasciano neppure scalfire dalla domanda di Nicodemo e preferiscono tornare a casa loro, alle loro idee di sempre, all’osservanza di una legge che forse davvero non conoscono.
La nostra legge giudica forse un uomo prima di averlo ascoltato e di sapere ciò che fa?
In realtà è proprio quella stessa legge ad aprire uno spazio nel cuore di Nicodemo, figura di colui che si lascia ferire dalla parola, resta in ricerca e in ascolto, pronto ad accogliere i segni della venuta del messia. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedenteEnzo Bianchi – Commento al Vangelo del 2 Aprile 2022
Articolo successivodon Marco – Commento al Vangelo del 2 Aprile 2022