don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 18 Marzo 2022

87

- Pubblicità -

“ ….La pietra che i costruttori hanno scartato è diventata la pietra d’angolo; questo è stato fatto dal Signore ed è una meraviglia ai nostri occhi?….”
Tu non sei un Dio che si nasconde, soprattutto per il gusto di farsi cercare. Tu ci vieni incontro, ma possono incontrarti solo coloro che ti desiderano ardentemente.
Chi è distratto o pensa ad altro, neppure si accorge che tu sei lì, da sempre.
Anzi, si lascia confondere il cuore e la mente dalla propria autonomia e cattiveria.
Chi si lascia accecare dall’orgoglio trova mille modi per dirti di no.
Tu sei il Dio di chi spera, di chi spera incessantemente, sei il Dio delle speranze impossibili, il Dio delle speranze incrollabili. Tu sei il Dio che progetta vigne nuove, persone nuove, realtà nuove, il Dio che non si rassegna alla nostra durezza di cuore.
Sei un Dio scomodo perché vai sempre contro le regole che noi stessi abbiamo preparato per te.
Tu sei il Dio di chi ti cerca con animo sincero. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedenteFratel Antonio Soffientini – Commento al Vangelo del 18 Marzo 2022
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 18 Marzo 2022