don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 16 Marzo 2022

102

- Pubblicità -

“…..ma chi vuole diventare grande tra voi, sarà vostro servitore e chi vuole essere il primo tra voi, sarà vostro schiavo…..”
Per la terza volta il Signore annuncia la sua Pasqua di passione e di gloria, di morte e di risurrezione: i discepoli ascoltano con attenzione sospettosa e preferiscono assecondare le loro ambizioni di potere.
Fanno fatica a perseverare in questi preziosi passaggi di vita, non scrutano lo specchio che Gesù porge per riconoscere in esso i loro lineamenti migliori, quelli che inducono a essere generosi e fedeli con Dio, fattivi e concreti nel servizio al prossimo.
La vita di Cristo, offerta e donata, à guidata dalla potenza dell’amore!
E’ la vita che in se stesso Gesù ci rivela e ci comunica nella forma del servo e dello schiavo.
Non spaventiamoci: con questa parola egli capovolge le nostre prospettive e ci orienta verso un’esistenza donata nella piccolezza, nell’umiltà, nell’amore. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedenteEnzo Bianchi – Commento al Vangelo del 16 Marzo 2022
Articolo successivodon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 16 Marzo 2022