don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2022

120

- Pubblicità -

“ …..Questo, a Cana di Galilea, fu l’inizio dei segni compiuti da Gesù; egli manifestò la sua gloria e i suoi discepoli credettero in lui…..”
Il primo segno compiuto da Gesù alle Nozze di Cana, il cambiamento dell’acqua in vino, non sembra così importante se non letto nel suo significato profondo.
L’acqua messa nelle anfore è simbolo della purificazione rituale degli ebrei, è segno della legge ebraica; il  vino è memoria dell’eucaristia e rimanda al sacrificio di Cristo sulla croce.
Gesù diviene la nuova legge che ha come fondamento il sacrificio, il dono di sé, un dono totale che lo porta alla morte.
Questo dono, secondo il disegno del Padre, è per la salvezza dell’umanità e manifesta la gloria di Gesù che suscita la fede dei discepoli.
Quel segno ci richiama oggi a guardare al sacrificio di Cristo come alimento perenne della nostra fede, segno fondamentale per il nostro abbandono nelle sue braccia distese sulla croce. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentePadre Nestor – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2022
Articolo successivodon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2022