don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 11 Novembre 2021

49

Il vangelo di oggi è costituito da due brevi dialoghi, in ognuno dei quali è presente una domanda. Se il samaritano ha riconosciuto in Gesù il regno di Dio, i farisei chiedono ancora quando esso verrà. Lo attendono, ma come ciechi non lo riconoscono nelle parole e nei gesti di Gesù.

“A che serve sapere quando, se poi in questo regno, che già è qui, voi non entrate?” sembra dire loro il Maestro! Il regno di Dio non è una forza che si impone, ma un piccolo seme che si offre e cresce nella debolezza di terreni umili e poveri, misericordiosi, in chi ha fame e sete di giustizia.

E’ accolto quando nella fragile umanità di chiunque riusciamo a vedere, oltre l’apparenza, un fratello nel Signore, con il quale vivere e sperare. A questo regno siamo debitori, e proprio di noi stessi! […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentedon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 11 Novembre 2021
Articolo successivoSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 11 Novembre 2021