don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 11 Marzo 2022

82

- Pubblicità -

“…In verità io ti dico: non uscirai di là finché non avrai pagato fino all’ultimo spicciolo!…” “Ma io vi dico…”.
Di nuovo un ma che ci invita a rivedere il nostro adagiarci nel si è sempre fatto, detto così.
Gesù ci vuole portare oltre quanto è bastato agli antichi, per renderci nuovi ed avere un cuore come quello del Padre.
Non basta non uccidere fisicamente, è necessario non offendere i fratelli a colpi di parole che feriscono la loro dignità umana.
Anche le dispute e le tensioni irrisolte deturpano la buona relazione e non dovrebbero far stare in pace il nostro cuore quando ci presentiamo al Signore con le nostre offerte.
A volte l’unica strada percorribile è quella che mette da parte le continue recriminazioni, che il nostro orgoglio continuamente ripresenta, per trovare una nuova armonia, un nuovo accordo in una relazione che, anche se ferita, non va mai spezzata. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedenteEnzo Bianchi – Commento al Vangelo del 11 Marzo 2022
Articolo successivodon Paolino – Commento al Vangelo del 11 Marzo 2022