don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 10 Novembre 2021

55

«…Àlzati e va’; la tua fede ti ha salvato!…»

La lebbra con il peccato che essa simboleggia, ha radunato dieci uomini, emarginandoli tutti, senza distinzione, dalla comunità. Ma il loro grido giunge a colui nel quale la bontà di Dio e il suo amore per gli uomini si sono manifestati: la misericordia di Gesù, che non fa differenze si effonde in abbondanza su tutti i dieci lebbrosi i quali, strada facendo vengono purificati.

Ma un samaritano, vedendosi guarito, torna subito indietro: l’unico a riconoscere in Gesù l’opera di Dio, l’unico a ricevere la sua lode. La fede non consiste solo nell’obbedire agli ordini, ma soprattutto nel proclamare la buona notizia della salvezza e riconoscere la grazia ricevuta dinanzi a colui che l’ha elargita, con la stessa “voce forte” con cui la si è chiesta! […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 10 Novembre 2021
Articolo successivoVangelo Daily – Lettura e Commento al Vangelo del 10 Novembre 2021