don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 10 Gennaio 2022

31

“…Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini…”

Chi può aiutarci a convertire il nostro cuore se non Cristo stesso? Chi può darci una mano a mutare la nostra vita, se non il Figlio di Dio? E’ venuto per toglierci di dosso quel peso opprimente che sono le nostre colpe, quel grande macigno che offende noi e lui stesso: il peccato, ogni peccato.
Nostro Signore non si tira mai indietro: se dà fiducia a qualcuno quella rimane e rimane per sempre. Al di là della nostra povera umanità (povera perché senza Dio non può fare nulla) il Cristo chiama tutti, nessuno escluso, perché da tutti desidera quella volontà buona di risorgere dal male della propria mediocrità.
Chi si rende disponibile per questo cammino di grazia vedrà da solo cosa significa essere amati da Dio, cosa significa sedersi alla sua destra, cosa significa essere suoi testimoni e apostoli.
Facciamo dunque la nostra scelta per il Signore, anche se dobbiamo lasciar da parte molte cose, pur buone, che ci attraggono. Il premio non è quaggiù, ma lassù… […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentedon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 10 Gennaio 2022
Articolo successivodon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 10 Gennaio 2022