don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 1 Ottobre 2021

51

“….Chi ascolta voi ascolta me, chi disprezza voi disprezza me. E chi disprezza me, disprezza colui che mi ha mandato…”

Come interpretare le parole dure di Gesù che oggi tuonano nel Vangelo? Egli ama il suo popolo come un padre ama suo figlio e si amareggia perché il suo amore non è accolto. I guai che promette alla città di Israele, sentiamoli rivolti anche a noi. Non siamo forse stolti e tardi di cuore ogni volta che disprezziamo il Vangelo per fare di testa nostra?

Quante volte rifiutiamo la correzione di Cristo per seguire il nostro momentaneo benessere? I pagani di oggi, i lontani, i senza Dio ci passeranno avanti nel regno dei cieli. A meno che…accogliamo sinceramente, e quindi senza tagli nè correzioni, il Vangelo di Cristo e lo poniamo davvero al centro della nostra vita, come guida e luce per le decisioni concrete di ogni giorno. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedenteSuor Maria Rosa Venturelli – Commento al Vangelo del 1 Ottobre 2021
Articolo successivodon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 1 Ottobre 2021