don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 1 Dicembre 2021

108

“….Tutti mangiarono a sazietà. Portarono via i pezzi avanzati: sette sporte piene….”
Tu hai compassione, Signore, di chi ha fame! Ci vuoi sazi, per questo ti doni a noi, tu, l’unico grande desiderio del cuore dell’uomo; tu, la nostra fame! Ti sei fatto pane. Anche oggi ci hai preparato una mensa sulla quale ti offri, nell’umiltà e nella povertà di un pane spezzato, affinchè gli uomini che sono poverissimi e indigenti, affamati per l’eccessiva penuria del nutrimento celestedivengano in te ricchi (santa Chiara). Donaci, Signore, di saperci ancora stupire del dono del tuo pane! Siamo la società dell’opulenza: non abbiamo più fame! Aiutaci a scoprire, dietro la nostra affannosa ricerca di benessere e di appagamento dei sensi, la fame di un nutrimento che ritempri il nostro spirito, alimenti la nostra interiorità e ci renda a nostra volta, pane che si spezza e si dona, nella concretezza del vivere quotidiano, per la vita dei fratelli. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentedon Marco Scandelli – Commento al Vangelo del 1 Dicembre 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 1 Dicembre 2021