don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 9 Aprile 2021

211

«I discepoli non si erano accorti che era Gesù».

Come al solito i discepoli non riconoscono il Maestro se non dalle sue azioni. Nessuno dei discepoli osava domandargli: «Chi sei?», perché sapevano bene che era il Signore. È bello pensare che il Risorto non ha un volto riconoscibile ma può avere il volto di tutti, di uno qualunque. Ma tutti lo possono riconoscere da quello che fa e che dice.

Per questo motivo siamo chiamati a testimoniare Cristo nelle nostre azioni, con la nostra vita, perché, come recita un antico testo, «noi siamo l’unica Bibbia che i popoli leggono ancora, siamo l’ultimo messaggio di Dio scritto in opere e parole». Ognuno di noi può essere la forza di cui l’altro ha bisogno per decidere di rialzarsi.

Buon cammino, insieme al Risorto.


Fonte: don Ivan Licinio oppure il canale Telegram

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 9 Aprile 2021
Articolo successivodon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 9 Aprile 2021