don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 8 Giugno 2021

48

«Voi siete il sale della terra».

Il sale, oltre a dare sapore, indica anche sapere. D’altronde le due parole hanno la stessa radice etimologica perché è il sapere che dà sapore alla vita. Ma Gesù ci chiede anche di saper essere sapore. Se riusciamo ad incarnare il Vangelo dando sapore ai nostri gesti quotidiani, diventiamo luce e sale della terra a partire dalle piccole cose, senza esagerare.

Infatti, basta un pizzico di sale per dare sapore; al contrario, se esagerassimo, si rovinerebbe tutto. Pensate a quale gesto potete fare – o evitare di fare – per diventare, giorno dopo giorno, sempre più un testimone credibile, sale e luce per il cuore dell’altro, per il mondo che vi circonda. Non arrendiamoci alle realtà scipite e insapori che molte volte la vita ci presenta come valide e gustose. Rendiamo appetibile la nostra fede e luminosa la nostra testimonianza!

Buon cammino, insieme.


Fonte: don Ivan Licinio oppure il canale Telegram

Articolo precedentedon Gabriele Nanni – Commento al Vangelo del 8 Giugno 2021
Articolo successivodon Mauro Pozzi – Commento al Vangelo di domenica 13 Giugno 2021