don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 7 Novembre 2021

38

Il Vangelo di oggi ci presenta due modelli di fede: quello degli scribi e quello della vedova.

I primi rappresentano una fede ostentata, fatta di sfilate nel tempio, saluti deferenti e ricerca dei primi posti. Per gli scribi, di ieri e di oggi, è fondamentale che gli altri ammirino la loro fede, la loro grande devozione e questo desiderio di essere notati passa anche per donazioni e offerte che però li privano solo del superfluo, mai del necessario.

Per loro è importante possedere, avere sempre di più, così da poter alimentare il proprio prestigio e soprattutto il proprio ego, fino ad arrivare alla triste condizione di essere posseduti dalle cose che posseggono! Queste persone vivono della vita che gli altri gli danno attraverso il loro sguardo. Tuttavia, anche chi non ambisce a tanto, sente nel cuore questo desiderio di visibilità perché fondamentalmente ha paura di svanire nel nulla, di non essere importante per qualcuno. […]

Continua a leggere nel sito di don Ivan.


Fonte: il sito di don Ivan Licinio oppure la sua pagina Facebook oppure il canale Telegram

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 7 Novembre 2021 – mons. Claudio Maniago
Articolo successivosuor Roberta Vinerba – Commento al Vangelo di domenica 7 Novembre 2021