don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 7 Marzo 2022

124

- Pubblicità -

«Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me».

Il buon Pastore dopo aver guidato, difeso e recuperato il suo gregge, ora viene a separare le pecore dalle capre seguendo il suo personale metro di giudizio: l’Amore. Un Amore che Gesù ci ha insegnato indossando la corona di spine e sedendo sul trono della croce. È quest’Amore, più forte della morte, che dà un senso ai nostri giorni e che troveremo ad aspettarci alla sera della vita.

Un Amore così grande che il nostro piccolo cuore da solo non riesce a trattenere. Ecco perché l’Amore è condivisione, relazione, incontro con l’altro. L’amore non è mai a senso unico né tantomeno esclude. Per questo motivo saremo giudicati su “tutto quello che avremo fatto a uno solo dei fratelli più piccoli” e cioè ai più deboli, fragili ed indifesi.

All’inizio del tempo quaresimale siamo chiamati a tirare le somme tra l’Amore ricevuto e quello donato o che ancora potremmo donare, con la speranza che questa specie di bilancio del cuore sia in rosso.

Buon cammino quaresimale, insieme.


Fonte: il sito di don Ivan Licinio oppure la sua pagina Facebook oppure il canale Telegram

Articolo precedenteVangelo Daily – Lettura e Commento al Vangelo del 7 Marzo 2022
Articolo successivoSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 7 Marzo 2022