don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 7 Aprile 2022

84

- Pubblicità -

«In verità, in verità io vi dico: prima che Abramo fosse, Io Sono».

È comprensibile che i farisei vogliano lapidare Gesù appena pronuncia il nome impronunciabile di Dio. Quel nome che nessuno poteva mai proferire, nemmeno durante la liturgia del tempio o nella sinagoga. Ma Gesù afferma con forza, in mezzo ad un clima di incomprensione e di violenza, la sua profonda identità.

Dice che già Abramo aveva intuito il progetto salvifico di Dio, progetto di redenzione, che ora si realizza con la venuta del Messia. Questa affermazione così forte indica ormai la piena consapevolezza di Gesù riguardo alla sua identità e alla sua missione e indica a noi con che atteggiamento accogliere le sue parole. La Quaresima ci è servita per ridefinire in noi il vero volto di Dio, il vero volto di Gesù. Egli non è stato solo un grande uomo, un rabbino sapiente, un profeta convincente.

No: egli è il definitivo rivelatore del Padre. Perciò le sue parole vanno accolte e custodite, ascoltate con attenzione e meditate, perché rivelano il senso profondo della vita, delle cose, di Dio. Continuiamo a meditare la parola quotidianamente: in essa troviamo la vita che contrasta la tenebra e la morte.

Buon cammino quaresimale, insieme.


Fonte: il sito di don Ivan Licinio oppure la sua pagina Facebook oppure il canale Telegram

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 7 Aprile 2022
Articolo successivola Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 7 Aprile 2022