don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 31 Maggio 2021

44

VISITAZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

«Maria si alzò e andò in fretta».

Ancora una volta Maria è maestra di vita! Chi crede in Dio è uno che si rialza sempre e aiuta l’altro a rimettersi in carreggiata, a rialzarsi dopo le cadute della vita. Andare in fretta, invece, non vuol dire correre ma non indugiare. Come Maria porta con sé Gesù, anche noi non dobbiamo indugiare e portare Cristo per le strade del mondo cosicché chiunque ci incontri possa sussultare di gioia, come fece Giovanni dentro il grembo di Elisabetta.

Per fare questo, però, abbiamo bisogno della stessa umiltà di Maria che canta la sua vita a partire dalle piccole cose. Al termine del mese mariano siamo invitati a guardare la nostra storia dal basso, a partire dai nostri limiti per raggiungere l’Alto. C’è solo un modo per farlo: servire. Non corriamo dietro a quello che ci dà un tono ma diamo il tono giusto alla nostra vita: intoniamo il Magnificat e anche noi saremo capaci di fare “grandi cose”!

Buon cammino, insieme a Maria.


Fonte: don Ivan Licinio oppure il canale Telegram

Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 31 Maggio 2021 – Lc 1, 39-56
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 31 Maggio 2021