don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 30 Settembre 2021

77

«Pace a questa casa!».

In questo piccolo vademecum che Gesù consegna ai discepoli all’inizio della loro missione, la prima raccomandazione è quella di portare la pace. Dietro la porta di ogni casa ci sono mille storie di sofferenza, di disagio sociale o di problemi relazionali. Il Maestro sa che ognuno desidera innanzitutto la pace del cuore e chiede ai suoi di testimoniarla attraverso l’annuncio del Vangelo e la coerenza di vita. Questa pace nasce dalla profonda consapevolezza di essere amati e perdonati in virtù della croce di Cristo che con il suo sacrificio segna la riconciliazione definitiva fra Dio e l’umanità.

Questo è il grande annuncio di pace che dobbiamo portare nella casa, nel cuore di ogni uomo: Dio ti ama, non temere! Tuttavia c’è anche un’altra casa che oggi necessita di pace più che mai: il creato. La nostra casa naturale sta soffrendo sempre di più a causa del nostro egoismo. Il mondo brucia, soffoca, muore. I gesti di pace hanno anche la capacità di ridonare vita, di ricreare ciò che sembrava distrutto, di ristabilire l’ordine delle cose.

Allora fate pace! Con Dio, con voi stessi, con gli altri, con il creato. Fate pace! Non stancatevi di percorre vie di pace anche se sono quelle più tortuose o sacrificate; soprattutto ricordate che il cammino verso la pace è fatto di passi indietro e non di corse in avanti.

Buon cammino, insieme.


Fonte: il sito di don Ivan Licinio oppure la sua pagina Facebook oppure il canale Telegram

Articolo precedenteSuor Lara e suor Carla – Commento al Vangelo del 30 Settembre 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 30 Settembre 2021