don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 30 Ottobre 2020

116

«Egli lo prese per mano, lo guarì».

Ancora un esame per il Maestro. Quante volte anche noi mettiamo alla prova Dio per ottenere risposte. Il pranzo al quale partecipa è l’ennesimo processo alle sue intenzioni ma Gesù sposta l’attenzione sull’ammalato che ha di fronte. Davanti al dolore mette alle strette i presenti che stavolta non sanno obiettare ad una semplice domanda: Dio ama la vita o no?

Nessuno risponde e allora Gesù lascia spazio all’amore, l’unica vera risposta alle domande dell’uomo. È meraviglioso vedere come l’amore di Dio si manifesti attraverso gesti umanissimi. Gesù prende per mano l’ammalato e lo guarisce. Quasi a dire che la guarigione nasce già dalla relazione, dal sentirsi accompagnati.

Anche noi, più che prendercela con Dio, dovremmo ritornare a prenderci per mano. Per ora possiamo farlo solo simbolicamente a causa della pandemia ma anche da questa si può uscire se saremo una comunità capace di prendersi per mano senza lasciare nessuno indietro.

Buon cammino, insieme.


Fonte: don Ivan Licinio su Facebook