don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 3 Settembre 2020

137

«Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla».

Quando tutto sembra essere stato inutile, quando ogni sforzo è stato vano, ecco che arriva il Signore. Ci raggiunge sempre alla fine delle nostre notti quando siamo stanchi e demoralizzati. Ci chiede un gesto di fiducia, all’apparenza inutile: gettare le reti dalla parte debole della nostra vita. Ci chiede di non contare solo sulle nostre forze ma di avere fiducia in lui.

Pietro lo fa e accade l’inaudito. Si butta in ginocchio, prima di arrendersi: «Non sono capace, non sono degno». È la scusa principale tirata fuori da tutti quelli che, per un istante, sfiorano Dio: non sono all’altezza, sono un peccatore. Ma è proprio per noi peccatori che Gesù è venuto! Lasciamo fare a lui, fidiamoci del suo amore e la nostra vita sarà sempre una barca carica di speranza, capace di superare ogni tempesta.

Buon cammino, insieme.


Fonte: don Ivan Licinio su Facebook