don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 28 Aprile 2021

114

«Io sono venuto nel mondo come luce».

Quando si è al buio le cose esistono ma non sono visibili. Al buio anche una cosa bella può diventare un pericolo perché possiamo andare a sbatterci contro. Nel buio non ci sono scelte ma solo tentativi, per questo nel buio è difficile fare qualunque cosa e si rischia di rimanere sempre fermi, nello stesso punto.

Ma se in quel buio qualcuno accende una luce, allora le tenebre non hanno più il potere di prima. Gesù è venuto a far questo: a toglierci dal dominio delle tenebre. E proprio per questa sua opera ogni uomo può vedere, scegliere, camminare, godere le cose, difendersi dal male e scegliere il bene. Con la luce di Cristo l’uomo non procede più per tentativi ma per scelte. Ma questa luce rimane solo una proposta, non è un obbligo.
Davanti al dono della luce non scegliamo deliberatamente di tenere gli occhi chiusi ma apriamo il cuore a Cristo così da dissipare le nostre tenebre.

Buon cammino insieme al Risorto!


Fonte: don Ivan Licinio oppure il canale Telegram

Articolo precedentedon Marco Scandelli – Commento al Vangelo del 28 Aprile 2021
Articolo successivoSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 28 Aprile 2021