don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 27 Aprile 2022

80

- Pubblicità -

«Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito».

Questo è Dio, il Dio che Gesù è venuto a raccontare, il Dio che Giovanni ha sperimentato, il volto di Dio che Gesù è disposto a difendere fino a farsi appendere alla croce. Dio vuole la mia felicità più di quanto non la desideri io stesso. Desidera la mia pienezza e la mia gioia più di ogni altra cosa.

Ma questa felicità è giocata nel mistero della libertà: posso (drammaticamente) rifiutarmi di accogliere la Parola, disinteressarmene, presumere di sapere in cosa consista la mia felicità. Dio – con profondo dolore – rispetta le mie scelte, spera che l’uomo diventi capace di scoprire il grande mistero della Storia o, purtroppo, lo lascia chiudersi in una visione piccola e asfittica della vita. Lasciamo che la Parola ci scuota, ci converta affinché possiamo credere al vero volto di Dio che Gesù ci svela. Solo così conosceremo il vero volto della felicità.

Buon cammino insieme al Risorto!


Fonte: il sito di don Ivan Licinio oppure la sua pagina Facebook oppure il canale Telegram

Articolo precedenteSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 27 Aprile 2022
Articolo successivola Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 27 Aprile 2022