don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 26 Giugno 2021

37

«Signore, io non sono degno che tu entri sotto il mio tetto».

Il centurione è un uomo buono. Ha costruito la sinagoga del villaggio e, anche se all’epoca venivano considerati quasi merce, ha a cuore la sorte di un suo servo. Inoltre questo soldato romano, nonostante rappresenti l’invasore, sappiamo dagli altri evangelisti che è ben voluto dal popolo.

Tutto questo perché è un uomo umile e la sua umiltà la ricordiamo ogni volta nella Messa quando usiamo le sue stesse parole poco prima di incontrare Gesù Eucarestia: «O Signore non sono degno di partecipare alla tua mensa ma dì soltanto una parola e io sarò salvato». Chi fa il bene viene ricordato ed esaudito da Dio. Il centurione conosce il suo limite, ma chiede una Parola soltanto a Gesù, non per sé ma per il suo servo. Anche noi oggi, nonostante i nostri problemi, potremmo spendere una parola buona con chi ne ha bisogno per dare la possibilità a Dio di visitare quella vita.

Buon cammino, insieme.


Fonte: il sito di don Ivan Licinio oppure la sua pagina Facebook oppure il canale Telegram

Articolo precedenteLuis Miguel Bravo Álvarez – Commento al Vangelo del 26 Giugno 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 26 Giugno 2021