don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 25 Ottobre 2021

87

«Era curva e non riusciva in alcun modo a stare diritta».

Ci sono pesi che ci portiamo addosso e che ci piegano in due. Il rimorso, l’odio, l’invidia, l’egoismo, l’avidità, la paura, le delusioni, gli errori, tutte cose che non ci permettono in nessun modo di stare dritti. Si vive con il capo chino, siamo giù, costretti a guardare a terra, quella stessa terra di cui siamo impastati e che tante volte è il motivo della nostra fragilità.

Questa donna porta dentro di sé uno spirito che la tiene bloccata da diciotto anni, segno che certe fragilità, se non affrontate, prendono il possesso della nostra vita e ci degradano lentamente. Gesù però, guarendo questa donna, ricorda oggi a ciascuno di noi che non siamo fatti solo di terra ma soprattutto di Cielo e che pertanto siamo chiamati a vivere sì con i piedi per terra ma con lo sguardo verso l’Alto.

Questo nostro stile di vita ha dato e continuerà a dare fastidio a quanti vorrebbero sempre tenerci piegati sotto il peso del loro egoismo. Perciò, amici miei, lasciamoci toccare il cuore da Dio, lasciamoci raddrizzare dal suo amore per affrontare la vita a testa alta, senza staccare lo sguardo da quel posto per il quale siamo stati creati: il Cielo!

Buon cammino, insieme.


Fonte: il sito di don Ivan Licinio oppure la sua pagina Facebook oppure il canale Telegram

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 25 Ottobre 2021
Articolo successivoVangelo Daily – Lettura e Commento al Vangelo del 25 Ottobre 2021