don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 24 Maggio 2021

180

MEMORIA DI MARIA MADRE DELLA CHIESA

«Ecco tua madre!».

Se ieri abbiamo ricordato che l’effusione dello Spirito sugli apostoli e l’annuncio del Vangelo a tutti i popoli sancisce la nascita della Chiesa universale, oggi facciamo memoria di un momento precedente, altrettanto fondamentale per la nascita della Chiesa: la croce. Sulla croce Gesù affida a Maria Giovanni, il discepolo amato, e consegna la Madre alle cure di quest’ultimo.

Gesù avvolge in un unico sguardo Maria e Giovanni ma con quel duplice “ecco” rivela per la prima volta la nuova identità di entrambi. Maria è chiamata a compiere la sua missione di madre nei riguardi di Giovanni e di tutti i discepoli del Figlio mentre Giovanni, quindi tutta la Chiesa, riceve in dono dal crocifisso la Madre della quale dovrà prendersi cura. Come a Giovanni ai piedi della croce, a ogni cristiano è affidata Maria come Madre affinché intercedendo per noi presso il Figlio, possa mostrarci il volto tenero e rassicurante della Chiesa,…


Fonte: don Ivan Licinio oppure il canale Telegram

Articolo precedentedon Mauro Leonardi – Commento (e poesia) al Vangelo del giorno, 24 Maggio 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 24 Maggio 2021