don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 23 Settembre 2021

94

«Non sapeva che cosa pensare».

La gente parla di Gesù confondendolo con Giovanni Battista risorto. La voce arriva ad Erode che lo aveva fatto decapitare e gli si gela il sangue nelle vene. È confuso. Ci sono problemi che pensavamo di aver risolto definitivamente ma che invece ritornano e ci fanno più paura di prima.

Per quanto pensiamo di aver messo a tacere la coscienza, questa torna sempre a ricordarci, o a rimproverarci, quello che abbiamo fatto. Perché il male che compiamo è essenzialmente una ferita: per noi che lo facciamo e per chi lo riceve. Una ferita, si sa, deve essere curata bene altrimenti farà sempre infezione e causerà dolore.

Succede lo stesso anche al nostro animo quando abbiamo scelto di non scegliere, senza prenderci la responsabilità della giusta decisione, anche se radicale e dolorosa. Ricucire uno strappo, chiedere scusa, affrontare le conseguenze dei propri errori, non sono decisioni facili ma sono l’unica cura per stare bene, con se stessi e con Dio. San Pio da Pietrelcina, di cui oggi facciamo memoria, lo ricordava ogni volta che confessava: «La pace dello spirito si può mantenere anche in mezzo a tutte le tempeste della vita».

La pace è l’unica risposta al male. Chiediamo perdono a chi abbiamo fatto del male; chiediamo perdono a noi stessi quando abbiamo deluso i nostri talenti; chiediamo perdono al Signore per tutto ciò che la coscienza ci rimprovera.

Buon cammino, insieme.


Fonte: il sito di don Ivan Licinio oppure la sua pagina Facebook oppure il canale Telegram

Articolo precedentePablo M. Edo – Commento al Vangelo del 23 Settembre 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 23 Settembre 2021