don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 23 Aprile 2022

78

- Pubblicità -

«Non credettero».

Tutti quelli che hanno visto il Risorto sono accomunati dalla stessa sorte: non vengono creduti dai loro amici. È brutto quando una persona alla quale tieni non si fida di te. Posso solo immaginare la gioia che tanto la Maddalena, quanto i discepoli di Emmaus, si portavano nel cuore; una gioia così traboccante da essere per forza condivisa con gli altri.

Però dall’altro lato trovano un cuore chiuso, quasi una porta sbattuta in faccia. Che delusione. Purtroppo, a volte, è più facile credere alla croce, al dolore, alla morte, piuttosto che al sepolcro vuoto, alla gioia, alla Resurrezione. Crediamo in ciò che vediamo, che tocchiamo con mano perché c’è un po’ di Tommaso in ognuno di noi. Tuttavia vi chiedo: si può forse toccare l’amicizia? Si può forse toccare la speranza? Si può forse toccare l’amore? Eppure sappiamo che esistono e, in verità, c’è un modo per toccarle: fidarsi.

Fidati dell’amore, fidati della speranza e fidati dei tuoi amici, degli altri in generale. Vedrai che, così facendo, avrai molte più possibilità di incontrare il Risorto e di risorgere insieme con lui.

Buon cammino, insieme al Risorto!


Fonte: il sito di don Ivan Licinio oppure la sua pagina Facebook oppure il canale Telegram

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 23 Aprile 2022
Articolo successivodon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 23 Aprile 2022