don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 22 Novembre 2021

39

«Ella invece, nella sua miseria, ha gettato tutto quello che aveva per vivere».

Mettere una mano al portafoglio è un’operazione semplice per chi non ha nulla da perdere. Mettere la mano al cuore per donare parte di sé è molto più difficile. Il problema è proprio questo: nel donare non sempre ci mettiamo il cuore. La vedova, pur trovandosi in una condizione di indigenza, ha un pensiero anche per gli altri.

Non si commisera, né soffre di vittimismo ma quel poco che dona sa che può essere tantissimo per chi ha ancora meno di lei. Questa donna, oggi, non ci insegna come fare la carità ma ci mostra uno stile di vita, improntato all’attenzione all’altro, al decentramento di noi stessi. Il Signore ci invita a donare quello che siamo, così come siamo, perché Dio non vede quanti soldi metti nel cestino ma apprezza il cuore che metti nel donare.

Buon cammino, insieme.


Fonte: il sito di don Ivan Licinio oppure la sua pagina Facebook oppure il canale Telegram

Articolo precedentedon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 22 Novembre 2021
Articolo successivoJosep Boira – Commento al Vangelo del 22 Novembre 2021