don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 21 Maggio 2021

82

«Mi ami più di costoro?».

Amare è difficile, ma più difficile è accettare di essere amati quando noi per primi stentiamo ad amarci. Pietro è l’apostolo dell’entusiasmo, dell’iniziativa. È tutto cuore. Quando però ha capito che il suo cuore poteva sbandare e poteva tradire, ha perso la fiducia in sé, ha smarrito la propria fierezza ed ha come “congelato” il cammino dell’amore.

Pietro è come quelli fra noi che iniziano la sequela con le migliori intenzioni poi si frantumano contro i muri dei limiti e dei no. Ma se siamo Pietro nelle cadute, dobbiamo anche essere il Pietro che si sorprende ad essere amato e guardato dall’amore stesso. Il cristianesimo inizia qui. Se il primo comandamento è amare, il fondamento è la verità intramontabile di essere amati. Amati dal Padre, nella carne del Figlio e nel dono dello Spirito.

Buon cammino, insieme.


Fonte: don Ivan Licinio oppure il canale Telegram

Articolo precedentedon Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del 21 Maggio 2021
Articolo successivodon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 21 Maggio 2021