don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 20 Ottobre 2021

102

«Signore, questa parabola la dici per noi o anche per tutti?».

La tentazione nella quale a volte incappiamo è quella di pensare che il Vangelo o un suo brano particolare, non parli di noi, non riguardi la nostra situazione attuale ma parli in generale. Pure gli apostoli vorrebbero sentirsi dire da Gesù che non si riferisce a loro ma agli altri che sono cattivi.

Invece Gesù non fa sconti a chi pensa di essere migliore, non usa giri di parole se deve rimproverarci né nasconde la verità, soprattutto quando è scomoda. Perciò la sua Parola è rivolta a tutti e nessuno può sentirsi esonerato dall’ascoltarla solo perché crede di essere più avanti degli altri nel cammino di fede.

Anzi! «A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più». Nessuno di noi è mai veramente arrivato, in nessun campo e soprattutto in quello della fede. Lasciamoci sempre provocare dal Vangelo che, nonostante tutte le volte che lo leggiamo o ascoltiamo, resta sempre la novità di Dio per noi. Infine impariamo da Gesù a dire le cose come stanno, a confrontarci direttamente con gli altri, senza parlare in generale ma riscoprendo la ricchezza e la bellezza di un “tu”.

Buon cammino, insieme.


Fonte: il sito di don Ivan Licinio oppure la sua pagina Facebook oppure il canale Telegram

Articolo precedentedon Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 20 Ottobre 2021
Articolo successivodon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 20 Ottobre 2021