don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 20 Dicembre 2020

95

Nella quarta ed ultima Domenica di Avvento incontriamo la Vergine Maria, e non poteva essere diversamente.

«Il Signore è con te»: questo saluto dell’angelo a Maria è l’espressione della fedeltà di Dio che oggi si offre anche a noi. Egli è con noi ben prima che noi lo sappiamo. Se prendiamo sul serio queste parole, può nascere davvero una vita nuova.

Ma non si può conoscere questa garanzia di Dio se non ci si lascia stupire da Lui, come Maria. Siamo capaci di stupirci ancora? Di lasciarci sorprendere?

Dio ci sorprende continuamente, trova modi sempre nuovi per manifestare il suo amore per noi. Il problema è che noi siamo assuefatti alla novità: il nuovo modello di questo o di quello, l’ultima novità o le nuove offerte. Tutto questo ci disorienta e ci rende incapaci di incontrare la novità di Dio per noi: Gesù.

Un bambino è sempre una gran bella novità: per la famiglia che lo ha atteso, per quella che lo accoglie, per la sua comunità, per il mondo intero. Dio ci sorprende ancora una volta facendosi bambino ma passando per il “sì” di Maria; quasi a dire che senza di te, senza di me non si può fare, perché Dio ha bisogno della nostra collaborazione per continuare a sorprendere il mondo.

«Il Signore è con te»: lasciati stupire sempre da questa parola, fa della tua vita una continua meraviglia di Dio.

Buon cammino di Avvento, insieme.


Fonte: don Ivan Licinio