don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 20 Aprile 2022

73

- Pubblicità -

«Gesù in persona si avvicinò e camminava con loro».

Il brano dei discepoli di Emmaus è un’immagine del cammino della vita perché si alternano sogni e delusioni, andate e ritorni, dubbio e fede, sconforto e consolazione, morte e vita nuova. Ma c’è una cosa che unisce tutta l’esperienza dei discepoli di Emmaus: l’amicizia. I due camminano insieme, si confrontano, hanno una meta comune e avevano anche una stessa speranza che però, ora, sembra infranta.

Condividono perciò anche la delusione e cercano di superarla tornando insieme sui loro passi. Gesù si avvicina a loro e, anche se non lo riconoscono, il Risorto vede in loro semplicemente l’uomo, con tutte le sue fragilità e cecità d’amore. L’amicizia con Gesù ci aiuta a rialzarci, quando le altre persone neanche sapevano che eravamo caduti. Ed è subito pace. Un pensiero oggi ai nostri amici, a quelli che condividono la strada con noi e ci aiutano ad aprire gli occhi, soprattutto quelli del cuore.

Buon cammino, insieme al Risorto!


Fonte: il sito di don Ivan Licinio oppure la sua pagina Facebook oppure il canale Telegram

Articolo precedenteSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 20 Aprile 2022
Articolo successivola Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 20 Aprile 2022