don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 2 Ottobre 2021

56

SANTI ANGELI CUSTODI
«I loro angeli nei cieli vedono sempre la faccia del Padre mio».

Oggi festa degli Angeli custodi, ma potremmo dire festa degli angeli disoccupati! Sì, perché il più delle volte non li invochiamo, non li consideriamo, non chiediamo la loro protezione. C’è addirittura chi crede che siano cose da bambini o chi si chiede se davvero esistano… Eppure così dice il Signore: «Ecco, io mando un angelo davanti a te per custodirti sul cammino e per farti entrare nel luogo che ho preparato». (Es 23,20-23a).

Il problema è che siamo troppo abituati a vedere con gli occhi e poco a guardare con il cuore. Non vi aspettate le ali o i riccioli biondi! Il volto di un angelo è tante volte quello dell’amico che è accanto, del medico che ci ha salvato, della moglie che ci sopporta o del nonno che mi accarezza. A proposito: AUGURI AI NONNI! E chi non dovesse più averli ha la certezza di conoscere il volto dei suoi angeli custodi. Cerchiamo di essere anche noi angeli custodi per il creato e per le creature.

Fin dalla nostra origine, Dio ci ha fatto poco meno degli angeli affidandoci il compito di custodire e proteggere l’Amore con il quale tutto e tutti sono stati generati e per mezzo del quale tutto e tutti continuano ad esistere. Ricordiamoci oggi del nostro angelo, segno della benevolenza del Signore che mai ci lascia soli, e chiediamogli di insegnarci come custodire l’altro anche senza essere riconosciuti e senza aspettarci un grazie.

Buon cammino, insieme.


Fonte: il sito di don Ivan Licinio oppure la sua pagina Facebook oppure il canale Telegram

Articolo precedentedon Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 2 Ottobre 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 2 Ottobre 2021