don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 2 Novembre 2021

82

COMMEMORAZIONE DI TUTTI I FEDELI DEFUNTI

«Io lo risusciterò nell’ultimo giorno».

Commemorare: ricordare insieme. Ricordare significa ritornare al cuore. Ricordare i defunti, vale a dire mantenerli in vita, così come fa il cuore con noi. E poi ricordiamo insieme perché siamo una famiglia. Non lo facciamo con nostalgia ma parliamo della morte con la speranza sulle labbra e con il sepolcro vuoto negli occhi.

Ricordiamo insieme alla comunione dei santi, che ieri abbiamo festeggiato, perché loro hanno indicato la strada ai nostri cari per tornare a Casa. La morte in fondo è come girare una curva: chi è dietro non ci vede per un po’, ma poi ci ritrova più avanti.

La Commemorazione dei fedeli defunti non è un’occasione solo per parlare di morte ma soprattutto per riflettere sulla vita: sul valore che gli diamo, su come impieghiamo il tempo a nostra disposizione, sull’amore che doniamo. La morte può insegnarci a vivere e se impariamo a vivere sarà bello per gli altri ricordarsi di noi, così continueremo a vivere in loro.

Buon cammino, insieme.


Fonte: il sito di don Ivan Licinio oppure la sua pagina Facebook oppure il canale Telegram

Articolo precedentedon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 2 Novembre 2021
Articolo successivoPablo Erdozáin – Commento al Vangelo del 2 Novembre 2021