don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 2 Giugno 2021

27

«Non è Dio dei morti, ma dei viventi!».

Non possiamo immaginare la vita eterna con gli stessi criteri con i quali organizziamo la vita terrena, a partire dai concetti di tempo e di spazio. Per quanto possibile, possiamo solo immaginarci immersi nell’amore di Dio, ma pensare che non ci sia nulla dopo la morte squalifica il nostro modo di vivere e il senso stesso della vita.

A che serve impegnarsi, sacrificarsi, amare e sperare se non c’è un fine ultimo? Vivere senza la speranza della vita eterna non è vivere, ma esistere: è vivere per morire. Invece, sull’esempio della croce di Cristo e della sua risurrezione, dobbiamo ogni giorno imparare a morire per vivere, in eterno.

Buon cammino, insieme.


Fonte: don Ivan Licinio oppure il canale Telegram

Articolo precedentedon Umberto Guerriero – Commento al Vangelo del 2 Giugno 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 2 Giugno 2021