don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 2 Aprile 2022

89

- Pubblicità -

«Costui è il Cristo!».

Sembra che finalmente il popolo abbia riconosciuto il suo Messia, eppure Gesù non ha detto o fatto niente di nuovo rispetto a prima. La novità sta nel fatto che però questa volta è stato ascoltato. Se la persona che ho di fronte non mi interessa non ascolto quello che dice. Nonostante la vicinanza fisica o social potremmo essere in realtà molto distanti se distanti sono i nostri cuori.

Se, invece, amo la persona che ascolto allora ogni sua parola avrà per me un valore immenso. Perché è l’amore che ci unisce. L’amore è la realtà che mi permette di riconoscere Gesù, accogliere le sue parole, comprendere il loro significato per me. Se però nel mio cuore sono presenti avversioni e pregiudizi, queste parole non mi coinvolgeranno mai.

Come i soldati nel vangelo lasciamoci stupire, travolgere da Gesù, dalle sue parole così che anche noi possiamo esclamare: «è il Cristo!».

Buon cammino quaresimale, insieme.


Fonte: il sito di don Ivan Licinio oppure la sua pagina Facebook oppure il canale Telegram

Articolo precedentela Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 2 Aprile 2022
Articolo successivodon Paolo Squizzato – Commento al Vangelo del 3 Aprile 2022