don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 19 Giugno 2021

79

«Nessuno può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro».

Amare e servire: ecco una stupenda sintesi della vita cristiana. Ma amare chi? Cosa? Chi ha un po’ di familiarità con il Vangelo conosce la risposta. Se amiamo il denaro allora ne diventeremo schiavi. Il vero discepolo trova l’amore nel servire l’altro con gesti concreti di attenzione che coinvolgono tutto quello che ha. Un amore che non si fa carità non è amore vero.

Gesù lo ha dimostrato con la sua vita, non solo a parole, ma morendo sulla croce. Chi impara a servire per amore sa di andare incontro a tante piccole “morti quotidiane” ma allo stesso tempo si prepara all’incontro con il Signore da uomo libero: non solo perché ha lasciato tutto a tutti ma perché non ha più niente che lo lega a questa terra, se non il bene che lascia nel cuore di chi ha servito.

Ecco perché Gesù oggi ci invita a non affannarci per le cose della terra, a non preoccuparci per quello che ci serve per quello che …


Fonte: don Ivan Licinio oppure il canale Telegram

Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 19 Giugno 2021 – Mt 6, 24-34
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 19 Giugno 2021